Omicidio Idy Diene: il solito doppiopesismo?

This post has already been read 66 times!

(…) Razzismo, esattamente come a Macerata, si dirà. Invece no. Fin dai primi momenti il movente razziale viene escluso dagli inquirenti. Il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, ha dichiarato: “I fini razzisti sono da escludere. Oltretutto il profilo personale dell’uomo non è collegabile a questo. Non sono emersi suoi legami con gruppi politici, tanto meno di destra o razzisti”. Creazzo ha aggiunto che in casa dell’uomo sono stati trovati anche alcuni cimeli dell’ex Unione Sovietica. Che l’omicida fosse un compagno e quindi per questa ragione il movente razzista va escluso a priori? Bisogna inoltre aggiungere che in rete girano degli screenshot – non si sa bene con che grado di autenticità – del profilo di un Roberto Pirrone di Firenze che ostenterebbe simboli comunisti e partigiani.(…)

A Firenze, un ammiratore dell’Unione sovietica ha sparato a un immigrato