L’antisemitismo islamico e la paura dell’islamofobia.

This post has already been read 20 times!

“i musulmani hanno il diritto di punire tanto i cristiani quanto gli ebrei. Tali idee non sono marginali. In Francia, sono diffuse.”  E lo saranno presto anche da noi. La questione non è SE, ma QUANDO

Francia: Presto senza ebrei?

di Guy Millière  •  19 aprile 2018

  • Oggi, la Francia è l’unico paese del mondo occidentale dove gli ebrei vengono uccisi solo per essere ebrei.
  • Gli ebrei possono essere le vittime principali, ma non sono gli unici. In soli cinque anni, 250 persone in Francia sono state uccise dai terroristi islamici.
  • Il problema principale è la diffusione dell’odio contro gli ebrei, la Francia e il mondo occidentale. Molti estremisti musulmani istigano a uccidere, e sempre più spesso si compiono omicidi.
Mireille Knoll, un’anziana donna ebrea, disabile e superstite della Shoah, è stata di recente violentata, torturata e assassinata nel suo appartamento da un estremista musulmano. (Fonte dell’immagine: la famiglia Knoll)

Un anno fa, a Parigi, il 4 aprile 2017, Sarah Halimi, un’anziana donna ebrea e medico in pensione, è stata orribilmente torturata e uccisa nella sua abitazione, e poi defenestrata mentre era ancora viva da un uomo che gridava “Allahu Akbar” (“Allah è il più grande”). La donna aveva riferito più volte alla polizia di essere stata vittima di minacce antisemite, ma invano.

Meno di un anno dopo, sempre a Parigi, un’altra anziana donna ebrea, Mireille Knoll, è stata violentata, torturata e assassinata nel suo appartamento da un altro estremista musulmano. Anche la signora Knoll, sopravvissuta alla Shoah, aveva contattato la polizia e raccontato di essere stata minacciata. Anche in questo caso, la polizia non ha fatto nulla.

Per mesi, il sistema giudiziario francese ha cercato di nascondere la natura antisemita dell’omicidio di Sarah Halimi; almeno, il giudice incaricato del caso di Mireille Knoll ha riconosciuto subito la matrice antisemita della sua uccisione.

Continua a leggere l’articolo