Unicredit: assegnazione degli obiettivi e le procedure che violano il CCNL

Unicredit: assegnazione degli obiettivi e le procedure che violano il CCNL

24 Aprile 2018 0 Di IlGattoRandagio

This post has already been read 269 times!

GOAL SETTING 2018: L’AZIENDA RISPETTA IL CCNL?

In questi giorni è in dirittura d’arrivo il processo di assegnazione degli obiettivi previsto dalla procedura Performance Management 2018.

Il documento di sintesi, che qui alleghiamo per pronta consultazione, presenta le istruzioni declinate ai responsabili di struttura circa l’assegnazione degli obiettivi per la valutazione professionale. Il completamento della procedura di assegnazione è previsto per il 30/04 p.v.

Non si tratta del sistema premiante, anche se, a quanto traspare dal documento, tale assegnazione sembrerebbe legata ad esso.

Dalla prima pagina del documento allegato, riservata a PRINCIPI E REGOLE DI FUNZIONAMENTO, risulta che le indicazioni operative si riferiscono alla valutazione professionale, per intenderci, quella da cui dipende, poi, l’erogazione del VAP. Tant’è che si parla di “…assegnazione di obiettivi…ai fini del processo di Performance Management…”. Inoltre, al secondo punto, si legge: “…Gli obiettivi devono essere caricati all’interno degli applicativi HR…” – cd. SAP e ciò avvalora l’ipotesi che si tratta della normale valutazione professionale.




D’altronde, ai fini del sistema premiante , come ad es. il BEST, gli obiettivi di vendita non vengono assegnati dal Responsabile di struttura, ma sono calati centralmente in termini, sempre a titolo di esempio, di MOL.

Ciononostante, all’ultimo punto della prima pagina, troviamo indicato che “…La struttura degli obiettivi…è coerente con il target setting delle iniziative incentivanti di periodo (BEST)…”. Ecco che iniziano i dubbi.

INFATTI, SEMBRA CHE SI COLLEGHI L’INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER LA VALUTAZIONE PROFESSIONALE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI VENDITA, DA CUI DIPENDE, POI, IL CONSEGUIMENTO DEL SISTEMA PREMIANTE INDIVIDUALE DENOMINATO BEST.

IL CHE EQUIVARREBBE A DIRE CHE IL GIUDIZIO PROFESSIONALE COMPLESSIVO SAREBBE DETERMINATO DAL CONSEGUIMENTO DEL BEST. SE CIÒ FOSSE, PERÒ, SI SUBORDINEREBBE IL PAGAMENTO DEL VAP AGLI STESSI CRITERI QUANTITATIVI CUI È SOTTOPOSTO IL PAGAMENTO DEL SISTEMA PREMIANTE INDIVIDUALE.

continua qui