Dopo la scomparsa del Cristianesimo in Europa non ci sarà un’utopia atea ma un Islam in crescita

This post has already been read 54 times!

Interessante articolo di Giulio Meotti che  mette in evidenza come in Ottant’anni in Europa non sia cambiato nulla se non in peggio. La stessa fatica e passività degli inizi del XX secolo dominano ancora le società europee occidentali.

Lo sfinimento della civiltà europea

  • L’Islam sta colmando il vuoto culturale di una società senza figli e che crede – a torto – di non avere nemici.

  • In Svezia, entro il 2050, quasi una persona su tre sarà musulmana.

  • La mentalità mainstream europea ora sembra credere che “il male” derivi essenzialmente dai nostri peccati: razzismo, sessismo, elitarismo, xenofobia, omofobia, i peccati del maschio bianco eterosessuale occidentale, e mai da culture non europee. L’Europa ora postula un’infinita idealizzazione dell'”altro”, soprattutto dei migranti.

  • Gli estremisti musulmani si accorgono di questo vantaggio: finché eviteranno un altro grande massacro come l’11 settembre, potranno continuare a portare via vite umane e a insidiare l’Occidente senza risvegliarlo dalla sua inerzia.

Qui l’articolo